Scroll to Top

Palermo, duplice omicidio Falsomiele: Carlo Gregoli si suicida nel carcere Pagliarelli

Si è ucciso nel carcere Pagliarelli di Palermo Carlo Gregoli. L’uomo era stato arrestato, insieme alla moglie Adele Velardo, lo scorso 5 marzo con l’accusa di aver ucciso il vicino di casa Vincenzo Bontà e il suo giardiniere Giuseppe Vela

Palermo, duplice omicidio Falsomiele: Carlo Gregoli si suicida nel carcere Pagliarelli

Era il 5 marzo scorso quando Carlo Gregoli 52 anni, geometra impiegato del Comune di Palermo e Adele Velardo, sua moglie, casalinga di dieci anni più giovane, venivano arrestati nel quartiere di Villagrazia-Falsomiele con l’accusa di omicidio nei confronti del loro vicino di casa Vincenzo Bontà e il suo giardiniere Giuseppe Vela. Carlo Gregoli detenuto nel carcere Pagliarelli, di Palermo, oggi a distanza di pochi mesi, si è tolto la vita impiccandosi nella sua cella. Probabilmente l’uomo, che da sempre si era professato innocente, soffriva di una forte depressione. Più volte la difesa aveva chiesto ai giudici la sostituzione della misura cautelare in carcere per la forte depressione che affliggeva nelle ultime settimane il loro assistito. «Una vicenda che ci lascia l’amaro in bocca, è una situazione che era del tutto prevedibile. Già la settimana scorsa avevamo chiesto la sostituzione della misura cautelare in carcere per la forte depressione che affliggeva nelle ultime settimane Carlo Gregoli. Il mio assistito era ricaduto in quella grave forma di depressione che lo aveva colpito già in passato», ha commentato profondamente turbato il difensore di Gregoli, l’avvocato Aldo Caruso.

Traccia di Dna su un bossolo
Carlo Gregoli si era sempre professato innocente ma i biologi della polizia scientifica, che hanno analizzato ogni minimo dettaglio sulla scena del delitto, sembrano non avere dubbi. Su uno dei bossoli sarebbe stata trovata una traccia di sudore e il Dna corrisponderebbe proprio a quello di Carlo Gregoli. Ma le indagini continuano ancora senza sosta il movente è ancora un punto interrogativo. Tante ipotesi e nessuna certezza.


Vuoi rimanere aggiornato? Segui la nostra fanpage Facebook. Clicca su 'Mi piace':

Per rimanere aggiornato su Twitter clicca su 'Segui':

Leggi anche: