Scroll to Top

Roma, fine di un’era: Bruno Conti lascia il settore Giovanile dopo 21 anni

Bruno Conti ha in scadenza il suo contratto a giugno 2016 e con tutta probabilità non rinnoverà, ma rimarrà comunque all’interno della società giallorossa in un ruolo ancora da definire. Il suo posto lo dovrebbe prendere l’ex calciatore di Napoli e Bologna Massimo Tarantino, mentre l’alternativa sarebbe Federico Balzaretti

Roma, fine di un'era: Bruno Conti lascia il settore Giovanile dopo 21 anni

E’ dal 2008 che la Roma non ottiene trofei in prima squadra, ma a riempire la bacheca di Trigoria ci ha pensato Bruno Conti con il settore giovanile: due scudetti, uno con gli allievi nazionali lo scorso giugno e uno con i Giovanissimi nazionali lo scorso anno. In entrambi i casi l’allenatore era Coppitelli, adesso primo nel girone con la primavera del Frosinone. L’ex campione del mondo dell’ 82 non lascerà la società capitolina, ma semplicemente cambierà il proprio ruolo all’interno della società: il suo contratto scade a giugno 2016 e la società giallorossa gli ha proposto un rinnovo fino al 2020, ma non come responsabile del settore giovanile. Negli ultimi tempi non si era occupato direttamente della Primavera della Roma, passata ormai sotto il controllo di Walter Sabatini affiancato da Massara; a Conti adesso viene proposto un ruolo nella direzione sportiva, lasciando così dopo 21 anni il settore giovanile della Roma. Era il 1994, Totti già stupiva in Serie A, De Rossi e Aquilani stavano per affermarsi a Trigoria, il suo ultimo talento Alessio Romagnoli, venduto al Milan quest’estate, ancora doveva nascere, Florenzi aveva appena 3 anni. A quel tempo Conti allenava le giovanili, il presidente di allora Franco Sensi gli propose un ruolo d’ufficio, dove aveva il compito di riorganizzare tutto il settore giovanile giallorosso; lui accettò e solo 10 anni fa lasciò quel suo amato ufficio quando  fu chiamato come allenatore della prima squadra, la Roma di Rossella Sensi rischiava infatti la retrocessione in serie B e lui riuscì a salvarla. Dopo questa breve parentesi da allenatore, tornò al suo ruolo preferito. Fu lui a scegliere, e a convincere Rossella Sensi, a prendere Luciano Spalletti come allenatore della prima squadra.

Dopo l’esonero di Ranieri sulla panchina della prima squadra, decise sempre d’accordo con la presidentessa Sensi di lanciare l’allora emergente Montella. Lo stesso ex giocatore della Roma ebbe lo sgradevole ruolo di comunicare la cessione al Liverpool ad Aquilani e vide in poco tempo molti suoi pupilli lasciare la capitale per cercare fortuna altrove (Bovo, Pepe, Cerci, Okaka, Amelia e recentemente anche Bertolacci e Romagnoli). Con tutta probabilità, il ruolo di Conti dovrebbe essere assegnato a Massimo Tarantino che dal 2013 è collaboratore di Sabatini, ma non è del tutto da scartare l’idea di Federico Balzaretti. L’ ex calciatore della Roma invece dovrebbe ricoprire il ruolo di osservatore per la prima squadra.



Leggi anche: