Scroll to Top

Scomparsa di Gloria Rosboch, ritrovato cadavere in campagna: ex allievo confessa

Il cadavere della professoressa, scomparsa lo scorso 13 gennaio, è stato rinvenuto in una vasca di scolo nelle campagne di Castellamonte, il suo paese. Per il delitto è stato arrestato l’ex allievo delle medie della donna, Gabriele Defilippi di 22 anni, reo confesso

Scomparsa di Gloria Rosboch, ritrovato cadavere in campagna: ex allievo confessa

Gabriele Defilippi, il 22enne fermato dai carabinieri due giorni fa con l’accusa di aver ucciso la sua ex insegnante Gloria Rosboch, ha infine confessato il delitto commesso assieme al suo amico (e, a quanto pare, anche amante) Roberto Obert, 54 anni, anche lui arrestato e reo confesso. Lo ha confermato il legale del ragazzo, Pierfranco Bertolino, mentre la madre di Defilippi, Caterina Abbattista, anche lei fermata due giorni fa, ha negato con decisione qualsiasi coinvolgimento. Per ora è accusata di concorso in omicidio. Su Defilippi i carabinieri avevano già puntato l’attenzione subito dopo la scomparsa dell’insegnante precaria di 49 anni, lo scorso 13 gennaio, dal suo paese di Castellamonte, in provincia di Torino: il giovane, infatti, era già indagato per una truffa di 187mila euro nei confronti della donna, che lo aveva denunciato tempo addietro. Ma a puntare l’indice contro di lui è stato Obert. I due sono ora in carcere con le accuse di omicidio volontario ed occultamento di cadavere.

Il corpo gettato in una discarica abbandonata
Obert ha confessato quasi subito: «L’abbiamo strangolata e gettata via. Io non volevo, è stato lui». L’uomo ha anche indicato agli inquirenti il luogo dove è stato gettato il cadavere della donna, una discarica abbandonata nelle campagne attorno a Castellamonte. Il corpo è stato rinvenuto in una vasca di scolo e l’acqua gelida ha permesso la sua perfetta conservazione, nonchè delle lesioni causate dagli assassini. Infatti, il medico legale ha trovato alcuni segni sul collo compatibili con uno strangolamento. Adesso gli inquirenti sono al lavoro per capire meglio ogni particolare. Tutto era iniziato nel 2014: Defilippi, giovane sfrontato e con velleità diverse a cui la vita di provincia va molto stretta, chiede un prestito di 187mila euro alla Rosboch, sua ex insegnante delle medie, con la promessa di ricostruirsi una vita insieme in Francia. La donna, abitudinaria non più giovanissima forse con il sogno segreto di fuggire dalla sua vita monotona, gli presta i risparmi di tutta una vita. Ma Defilippi, che pare in passato abbia già commesso una truffa simile, scompare con i soldi.

La vergogna poi l’omicidio
Ma la Rosboch, superando la vergogna di essersi fatta imbrogliare da un ragazzino, lo denuncia per truffa e comincia a tartassare la madre del giovane per riavere indietro i soldi. Defilippi, abituato a manipolare tutti, forse non si aspettava una reazione simile e le dà appuntamento il 13 gennaio con lo scopo di toglierla di mezzo assieme a Obert, omosessuale con il quale ha una relazione. «Una volta, Gloria mi disse: se riesco ad incontrarlo, oltre ai soldi gli chiedo perchè mai si sia comportato così – ha rivelato la madre della donna, Marisa More – le avevo sempre detto che, qualora avesse dovuto incontrarlo, di non farlo mai da sola. L’avrei accompagnata anche io stessa». Ma Gloria, persona gentile e senza grandi esperienze di vita nonostante l’età, non le ha dato retta.


Vuoi rimanere aggiornato? Segui la nostra fanpage Facebook. Clicca su 'Mi piace':

Per rimanere aggiornato su Twitter clicca su 'Segui':

Leggi anche: