Scroll to Top

Serie A: Lazio-Sampdoria 1-1, Zukanovic al 93′ beffa i biancocelesti. Video gol e tabellino

I biancocelesti aprono per primi le marcature con uno stacco impetuoso di Matri, ma allo scadere arriva il pareggio su calcio di punizione di Zukanovic, con la deviazione di testa di Felipe Anderson che spiazza il proprio portiere. Primo punto per Montella, al termine della partita fischi e insulti verso il presidente della Lazio Claudio Lotito

Serie A: Lazio-Sampdoria 1-1, Zukanovic al 93' beffa i biancocelesti. Video gol e tabellino

Il posticipo del 16esimo turno del campionato di calcio di Serie A 2015-16 si chiude con una vera beffa per i ragazzi di Pioli che, a causa di uno sfortunato colpo di testa di Felipe Anderson in barriera, si vedono raggiungere nel finale dai liguri. Lazio-Sampdoria termina così 1-1, dopo che Matri aveva aperto le marcature con un bellissimo gol di testa. Poi il pareggio-beffa di Zukanovic al 93esimo ha fatto partire dalla curva dei sostenitori biancocelesti insulti verso il presidente Claudio Lotito. Un punto che non sorride a nessuno per la classifica: dodicesimo posto per la Lazio con 20 punti e 9 dal sesto posto valevole per la qualificazione alla prossima Europa League, e sedicesimo posto per la Samp che dopo il pareggio raggiunge i 17 punti continuando a navigare in piena zona retrocessione a soli tre punti dal Frosinone, diciottesimo con 14. Tra cinque giorni nell’ultima giornata prima della pausa natalizia, Inter-Lazio e Sampdoria-Palermo.

Lazio-Sampdoria 1-1. Statistiche e tabellino della gara – Montella non si può certo permettere un’ennesima sconfitta, stessa cosa per Pioli. Il tecnico dei capitolini schiera in attacco Klose insieme a Djordjevic e Candreva. A centrocampo con Cataldi insieme a Biglia e Parolo, quest’ultimo in protezione di Gentiletti e Hoedt. La Samp ha dovuto rinunciare per infortunio a Eder, bloccatosi durante il riscaldamento pre-gara, che viene sostituito da Lazaros. L’ex tecnico della Fiorentina lascia clamorosamente Muriel e Silvestre in panchina affidandosi a Zukanovic e Moisander. Come detto in precedenza, questa era una gara con una posta in palio davvero importante per entrambe le squadre: il primo tempo finisce a reti inviolate con pochissime emozioni, salvo Barreto che dopo un flipper pericoloso in area sfiora di poco il palo della porta difesa da Marchetti. La Lazio non fa praticamente un tiro in porta, solo Klose ci prova in acrobazia ma spara alto. Nel secondo tempo Pioli cambia qualcosa, esce Cataldi per Felipe Anderson e poi Matri per Klose, Montella invece sostituisce Cassano e inserisce Muriel. Il colombiano fa tremare l’Olimpico quando effettua un passo lungo senza nessuno che lo fermi, per fortuna la sua conclusione in porta finisce fuori. Su un cross al 78esimo, arriva il vantaggio della Lazio con un bel gol di testa di Matri.

Infortunio e beffa per Marchetti
Tanta era la gioia per il gol di Matri che il portiere laziale si è procurato un’infortunio da solo e costretto ad uscire dal campo; al suo posto entra Berisha, che però concede una palla gol a Carbonero dopo una goffa respinta. Poi ancora il portiere albanese rischia per fermare Muriel, uscendo dall’area di rigore e travolgendo il colombiano, ma l’arbitro Calaverese lo ammonisce. La beffa: da una punizione dai 25 metri calciata da Zukanovic, Felipe Anderson molto goffamente devia la palla di testa beffando così il proprio portiere. Arriva così la rete del pareggio della Sampdoria. Altra contestazione in casa Lazio, mentre Montella prende il suo primo punto ed evita un’altra sconfitta.

Lazio-Sampdoria 1-1: Highlights e gol



Leggi anche: