Scroll to Top

The Voice of Italy 2016, Max Pezzali: “Non sarò un giudice, al massimo un coach”

Manca poco alla quarta edizione di The Voice of Italy e lo storico frontman degli 883 è pronto a sedere sulla famosa poltrona rossa: «Non sarò un giudice, al massimo un allenatore, un coach. Svelerò ai ragazzi qualche trucchetto del mestiere; spaccerò nozioni, informazioni e dritte per consentirgli di capire come girano le cose. Il resto saranno loro a doverlo dimostrare»

The Voice of Italy 2016, Max Pezzali: "Non sarò un giudice, al massimo un coach"

Max Pezzali siederà presto su una delle famose poltrone rotanti di The Voice of Italy, al via il prossimo 2 marzo su Rai2, e spiega quale sarà il suo ruolo nel talent sulle pagine del settimanale Oggi: «Non sarò un giudice, al massimo un allenatore, un coach. Spero di poter aiutare questi ragazzi a risparmiarsi un bel po’ di passaggi che, ai miei tempi, erano fondamentali per disegnarsi una carriera». «Svelerò loro qualche trucchetto del mestiere – aggiunge – spaccerò nozioni, informazioni e dritte per consentirgli di capire come girano le cose. Il resto, cioè la cosa più importante, ovvero il talento, saranno loro a doverlo dimostrare». Per lui una nuova e ricca avventura, che ufficialmente partirà tra qualche settimana, accanto a Raffaella Carrà (grandissimo ritorno per lo show), il rapper Emis Killa e Dolcenera, chiamati a giudicare al fortunato talent show, giunto ormai alla 4° edizione, al posto di Pierò Pelù, il team “The Facch” (Roby e Francesco Facchinetti), J-Ax e Noemi, prossima a salire sul palco del Festival di Sanremo.

«Non sono uno di quelli che pensa che si stava meglio quando si stava peggio» – E intanto lo storico frontman degli 883 svela alcuni lati del suo carattere, poco noti al pubblico: «C’ho una sorta di schizofrenia da sempre. Una specie di personalità multipla che mi porta da un lato ad essere nostalgico anche di tempi di cui non bisognerebbe essere nostalgici, e dall’altra ad essere decisamente lontano dalla voglia di ritornare indietro perché sono ancora convinto che il meglio debba ancora arrivare». «Vado avanti così: mi piace il sapore agrodolce della memoria ma sono altrettanto curioso, e non vedo l’ora, di scoprire cosa il futuro può riservarmi e riservarci. Comunque non sono uno di quelli che pensa che si stava meglio quando si stava peggio», conclude il cantante.


Vuoi rimanere aggiornato? Segui la nostra fanpage Facebook. Clicca su 'Mi piace':

Per rimanere aggiornato su Twitter clicca su 'Segui':

Leggi anche: