Scroll to Top

Caso Bozzoli, ritrovato morto l’operaio sparito mercoledì. Ancora mistero sulla scomparsa dell’imprenditore

L’operaio è stato ritrovato senza vita sulle rive di un torrente, nella località dove aveva lasciato la sua auto il giorno della scomparsa. Non è chiaro se si sia trattato di suicidio o omicidio. Ancora nessuna notizia dell’imprenditore Bozzoli

Caso Bozzoli, ritrovato morto l'operaio sparito mercoledì. Ancora mistero sulla scomparsa dell'imprenditore

È stato ritrovato il corpo senza vita di Giuseppe Ghirardini, l’operaio bresciano di 50 anni sparito improvvisamente mercoledì, a pochi giorni dall’altra misteriosa scomparsa del suo datore di lavoro, Mario Bozzoli, titolare di una fabbrica a Marcheno. Il cadavere è stato rinvenuto sulle rive di un torrente, vicino a Ponte di Legno, nel Bresciano, nella località dove Gherardini aveva lasciato mercoledì pomeriggio la sua auto, una Suzuki Vitara. Giaceva a pancia in giù, con gli stivali ai piedi. Gli investigatori hanno riferito che l’uomo è morto colpito da un’arma da fuoco. Tuttavia ancora non è certo se si sia trattato di suicidio o omicidio. Ancora nessuna notizia di Bozzoli, visto per l’ultima volta proprio da Gherardini, addetto ai forni della fonderia. Non si esclude quindi che qualcuno possa aver chiuso per sempre la bocca all’operaio 50enne, che proprio il giorno della sua sparizione si sarebbe dovuto presentare alla caserma dei carabinieri di Gardone val trompia per essere interrogato in merito ai fatti.

Forse ucciso e portato in seguito sul posto del ritrovamento
Gli investigatori stanno seguendo diverse piste, e non escludono l’ipotesi che il cadavere dell’operaio sia stato trasportato da qualcuno accanto al torrente. Ora si attende l’esito dell’autopsia. Intanto gli inquirenti hanno interrogato i suoi familiari e la cugina ha negato la possibilità che tra Giuseppe e il datore di lavoro ci siano stati screzi o pesanti discussioni. Secondo il racconto di un parente di Ghirardini sarebbe morto lo stesso giorno della scomparsa: «Ci hanno detto che lo hanno trovato morto. Ci hanno spiegato che forse è morto lo stesso mercoledì quando si è allontanato da casa, ma che ora sarà eseguita l’autopsia».

Sindaco di Marcheno: «Aspettiamo le verifiche»
Il primo cittadino di Marcheno, Diego Bertussi ha spiegato che adesso «il giallo si infittisce. Ora aspettiamo le verifiche sulle cause della morte di Ghirardini prima di fare qualsiasi conclusione», anche se «dalle prime informazioni che ci sono state date sembra che si tratti di una morte naturale, di un malore».



Leggi anche: