Scroll to Top

Conto deposito vincolato: cos’è e come funziona

Si differenziano dai conti deposito liberi per il fatto di non potervi attingere fino al termine del contratto. Vediamo quali sono le proposte più vantaggiose offerte dalle principali banche italiane e quali sono i possibili rischi uniti ai vari benefici già noti

Conto deposito vincolato: cos'è e come funziona

I conti deposito vincolati consentono di aumentare il rendimento del capitale in vostro possesso garantendovi dai 2,15% (vincolato a tre anni) di interesse fino al 2,60% su depositi vincolati fino a 5 anni (rendimento massimo offerto da Rendimax). Si differenziano dai conti deposito liberi per il fatto di non potervi attingere fino al termine del contratto, pena la decadenza del rendimento accumulato. Vediamo quali sono le proposte più vantaggiose offerte dalle principali banche italiane e quali sono i possibili rischi uniti ai vari benefici già noti. Conto deposito vincolato: come evitare brutte sorprese: grazie a migliorecontodepositoconfronto.com andiamo ad analizzare i rischi connessi all’apertura di un conto deposito consistono nell’eventualità che la banca non riesca a tener fede alle promesse avanzate ed alle quali è obbligata per contratto. Ecco che il Fondo Interbancario può intervenire per un massimo di 100.000 euro, oltre il quale non può garantire alcuna azione aggiuntiva, secondo la Direttiva Comunitaria 2009/14/CE. Il consiglio che è possibile avanzare per chi volesse investire in tal senso sarebbe dunque, di non impegnare una somma superiore a tale cifra, magari cercando di differenziare gli investimenti spalmandoli su più istituti bancari e minimizzando così il rischio che uno di loro possa avere, in seguito, problemi di liquidità. Inoltre, prima di scegliere l’istituto bancario ed il prodotto più conveniente sarebbe opportuno confrontare i conti deposito in base al tasso effettivo garantito, il quale tiene conto dei rendimenti dei flussi di cassa generati dal capitale depositato, osservando attentamente sia i flussi positivi (interessi lordi) che quelli negativi (tasse, bolli, spese).

Ovviamente in caso di capitale vincolato, come già preannunciato, si ha sempre la possibilità di prelevare in caso di bisogno o necessità improvvisa, ma si è consapevoli che si perde il diritto a percepire gli interessi. In tal senso sarebbe opportuno vincolare solo cifre delle quali si possiede la certezza di non aver bisogno, altrimenti si corre il rischio di vanificare l’investimento.

Tipi di conto corrente deposito vincolato: le varie opzioni disponibili
Il conto deposito on line Conto Facto ( Banca Farmafactoring) ad esempio, consente di vincolare un importo minimo di 5.00 euro per minimo 12 mesi ottenendo un tasso d’interesse lordo dell’1.45%. Il conto è senza spese, anche le imposte di bollo sono a carico della banca ed il Fondo interbancario Tutela Depositi  garantisce i risparmi individuali fino ad un massimo di 100.000 euro.

IBL Banca garantisce un rendimento annuo lordo sulle somme vincolate per 36 mesi (tre anni) con pagamento trimestrale degli interessi al 2.15%. Offre molti servizi integrati come la carta PagoconIBL, la quale garantisce prelievi illimitati e gratuiti in oltre 1200 sportelli in tutta Italia. Anche Banca IBL aderisce al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi.

Banca Unicredit propone un conto vincolato progressivo e flessibile, il quale offre un rendimento crescente in base alla durata del periodo del vincolo. L’importo vincolato parte da un minimo di 10.000 euro, con un tasso annuo lordo a scadenza dello 0,10% ed un vincolo temporale  di 24 mesi.

La banca sottolinea che il conto deposito  è riservato alle nuove disponibilità finanziarie dei correntisti e che non può essere applicato alle somme già depositate. La liquidazione degli interessi è a scadenza ed esiste la possibilità di estinguere anticipatamente, totalmente o parzialmente il deposito, nel cui caso il rendimento verrebbe, ovviamente, diminuito in percentuale. Non sono previsti costi di apertura e di gestione e non risulta possibile realizzare versamenti aggiuntivi una volta stipulato il deposito vincolato.



Leggi anche: