Scroll to Top

Corea del Nord, nuove minacce: lanciato missile balistico da sottomarino

La Corea del Nord ci riprova: lanciato in mattinata missile balistico da sottomarino al largo della costa orientale del paese. Anche stavolta il test è fallito: il missile è esploso poco dopo il lancio, ad un’altitudine di 10 chilometri. Corea del Sud: «Denunciamo con forza azioni provocatorie di tale portata»

Corea del Nord, nuove minacce: lanciato missile balistico da sottomarino

Questa mattina la Corea del Nord ha lanciato un missile balistico da un sottomarino, che è stato rilevato sui radar della difesa sudcoreana. Lo ha fatto intorno alle 11:30, ora locale (le 4:30 del mattino in Italia), al largo della costa orientale del paese. Lo Joint Chiefs of Staff della Corea del Sud ha comunicato che il missile è stato espulso con successo, ma che sarebbe esploso pochi minuti dopo, durante la fase di spinta. Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap, il lancio è partito dalle acque a sud-est della città costiera di Sinpo, nella provincia meridionale di Hamgyong, ed espulso da un sottomarino classe Sinpo modificato è esploso ad un’altitudine di dieci chilometri. Da oltre un anno la Corea del Nord lavora per dotarsi della tecnologia necessaria a lanciare missili sottomarini, ritenuta «un’arma più insidiosa dei missili terrestri perché sono difficili da individuare prima dello ‘strike’». Per il leader Kim Jong-un quindi, avere questa capacità rappresenta una sorta di polizza assicurativa contro un possibile blitz di americani e sudcoreani. Quello di oggi è l’ultimo di una serie di lanci che la Corea del Nord ha condotto dallo scorso aprile, e costituisce l’ennesima violazione delle risoluzioni votate dall’Onu per contrastare lo sviluppo del programma nucleare da parte di Pyongyang. In settimana gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni al leader Kim Jong-un, mossa da lui definita come «un’aperta dichiarazione di guerra».

Preoccupata la Corea del Sud
Anche questo lancio è quindi fallito, proprio come quello effettuato lo scorso 23 aprile, quando il missile si era disintegrato dopo 30 chilometri. «Il lancio non ha avuto successo e il missile è precipitato poco dopo», hanno reso noto dalla Difesa di Seul. Nonostante il fallimento la Corea del Sud è preoccupata per gli enormi progressi di Pyongyang, che stando all’intelligence potrebbe essere in grado di lanciare con efficacia missili sottomarini entro il 2020. «Denunciamo con forza azioni provocatorie di tale portata da parte della Corea del Nord», si legge nel comunicato dei militari sudcoreani.



Leggi anche: