Scroll to Top

Ebola, annuncio di Gino Strada: “L’epidemia è stata vinta”

L’annuncio del fondatore di Emergency Gino Strada sull’epidemia dell’Ebola: «Finalmente ci siamo, è tutto sotto controllo». «Il nostro Centro non ha più ammalati, solo pochi convalescenti»

Ebola, annuncio di Gino Strada: "L'epidemia è stata vinta"

Il fondatore di Emergency, Gino Strada ne è sicuro ed annuncia la vittoria sull’epidemia dell’Ebola in Africa Occidentale. La notizia è stata comunicata dallo stesso attraverso il proprio profilo Facebook. Secondo Strada la fase critica è stata ampiamente superata. L’Organizzazione mondiale della sanità lancia però un nuovo allarme per i sopravvissuti all’Ebola: secondo l’Oms rischiano problemi alle articolazioni e alle vista, e rilanciano sull’emergenza a livello internazionale in quando ancora rappresenta un pericolo per la salute pubblica, anche se ammettono il grande progresso reale e sostanziale avvenuto nelle ultime settimane nel tentativo di bloccare la diffusione del virus nell’Africa Occidentale. In totale fino al 16 aprile sono stati registrati oltre 25mila casi dall’inizio del 2014 con poco più di 10mila decessi a causa dell’Ebola; colpite soprattutto Guinea, Liberia e Sierra Leone. Il 5 aprile scorso, in Africa occidentale, sono stati registrati solo 30 casi di Ebola: si tratta del numero più basso dal maggio del 2014.

Il messaggio di Gino Strada
«Questa volta ci siamo, l’epidemia è sotto controllo», scrive su Facebook il fondatore di Emergency. «Ci sarà “una coda”, pochi casi sporadici nel Paese, ma questa epidemia in Africa occidentale è stata vinta, finalmente. Il nostro Centro non ha più ammalati, solo pochi convalescenti che saranno dimessi nei prossimi giorni. E anche per me, dopo più di 6 mesi, è finalmente ora di tornare a casa. Grazie a tutto il nostro staff, alle centinaia di persone che si sono impegnate con passione e professionalità. Grazie a tutti voi che ci avete incoraggiato e sostenuto in questa esperienza durissima e rischiosa, da soli non ce l’avremmo fatta». Il post ha ricevuto oltre ventimila condivisioni e quasi centomila like.



Leggi anche: