Scroll to Top

Francia, condannato a 8 anni di reclusione il dentista che torturava i pazienti

Li anestetizzava e dopo li torturava. Jacobus van Nierop, di origini olandesi, ribattezzato il dentista degli orrori, dovrà scontare 8 anni di reclusione per aver mutilato le bocche di circa 120 persone. Provava piacere nel vedere soffrire i suoi pazienti

Francia, condannato a 8 anni di reclusione il dentista che torturava i pazienti

Jacobus van Nierop 51 anni, di origini olandesi, è stato ribattezzato il dentista degli orrori. Il suo studio dentistico nella cittadina di Chateau-Chinon, nella regione della Borgogna in Francia, era diventato un vero e proprio luogo di torture. Il medico anestetizzava i pazienti per poi torturali. Mandibole fratturate, ascessi e setticemie provocate dal dentista. L’uomo si accaniva su chiunque finisse sotto le sue mani, praticando estrazioni non necessarie e ogni sorta di procedure inutili e dolorose. Venne arrestato per la prima volta nel 2013 ma era riuscito a fuggire in Canada. Pochissimo tempo dopo, finito di nuovo in manette grazie ad un mandato di cattura internazionale, il tribunale lo ha radiato dalla professione medica e multato per 10.500 euro.

Provava piacere nel torturare i pazienti
Jacobus van Nierop provava un vero e proprio piacere nel torturare chiunque finisse sotto le sue mani. Non solo truffava le assicurazioni dei suoi pazienti ma godeva nel vederli soffrire. Condannato a 8 anni di reclusione dal tribunale di Nevers nella Francia centrale, Nierop non potrà più fare del male. Circa 120 persone torturate dall’uomo. 120 bocche mutilate dal dentista che più torturava più provava piacere. Durante il processo ha ammesso le sue responsabilità ma senza alcun rimorso. «Non ho alcun interesse per le persone», ha dichiarato in tribunale. Alle domande dei giudici e degli avvocati si è preso la facoltà di non rispondere. «No comment», questa la sua risposta ad alcune domande rivoltegli. Durante l’udienza i giudici hanno ascoltato le testimonianze agghiaccianti rilasciate da alcuni pazienti.



Leggi anche: