Scroll to Top

India, nel 2012 stuprarono ragazzina di 13 anni: condannati a morte 5 uomini

La condanna arriva a tre anni dallo stupro di gruppo ai danni di una ragazzina di 13 anni. Sette uomini nel 2012 costrinsero la vittima a seguirli in un bosco, poi l’hanno violentata e uccisa. Cinque di loro sono stati rintracciati e adesso condannati a morte, gli altri due sono ancora ricercati

India, nel 2012 stuprarono ragazzina di 13 anni: condannati a morte 5 uomini

Tre anni fa stuprarono in gruppo una ragazzina di 13 anni, e solo oggi arriva la loro condanna, sentenziata da un tribunale dello stato orientale dell’Orissa, per stupro e omicidio. A riferire la notizia è il quotidiano The Hindustan Times, secondo cui i sette uomini che nel 2012 hanno violentato la ragazzina sono stati condannati a morte. I fatti si sono verificati in un villaggio del distretto di Keonjhar quando sette uomini si sono avvicinati alla vittima mentre stava andando a prendere lezioni private, costringendola con la forza a seguirli in un bosco. Lì l’avrebbero stuprata in gruppo, seviziata e poi uccisa, abbandonando il corpo nel bosco. La tragica vicenda aveva scatenato l’ira degli abitanti del villaggio contro le autorità locali e la mancanza di sicurezza. Dopo pochi giorni la polizia è poi riuscita ad indentificare e arrestare cinque dei sette stupratori che si erano dati alla fuga. Gli altri due assalitori sono ancora ricercati, e nel caso in cui saranno rintracciati anche loro la pena sarà la medesima. A decidere la condanna, arrivata a soli tre anni dal crimine, è stato un giudice della corte distrettuale di Keonjhar.

In India stupri e violenze sono all’ordine del giorno – Si tratta della massima pena prevista per questo genere di crimine in base alla nuova legge anti stupri entrata in vigore dopo il caso di Nirbhaya, la studentessa violentata e uccisa a New Delhi nel 2012. Nonostante da anni in India ci si batte contro la violenza di genere e abusi sui minori, grazie anche ad aiuti ed accordi internazionali, stupri e violenze risultano ancora all’ordine del giorno.



Leggi anche: