Scroll to Top

Influenza: meno casi rispetto al 2014-15, attività meno intensa e pericolosa

Meno di 100.000 gli italiani a letto con l’influenza, durante le feste. Con l’inverno non si esclude un numero maggiore. Ma nessuna preoccupazione. Quest’anno risulta non essere pericolosa

Influenza: meno casi rispetto al 2014-15, attività meno intensa e pericolosa

Quest’anno il virus influenzale, si è presentato piuttosto rallentato. Rispetto agli anni precedenti, sono stati minori i casi di italiani a letto con l’influenza. A compiere l’indagine è stato l’Istituto Superiore di Sanità, che ha registrato la media di circa 99.800 italiani a letto con la febbre, nei giorni tra il 28 dicembre e il 3 gennaio. Maggiormente colpiti i bambini, nella fascia compresa tra i 0 e 4 anni. Forse è stata la temperatura alquanto tiepida, a non far galoppare il virus. Con l’arrivo del freddo non si esclude però l’ipotesi del suo sviluppo. Sono previsti quattro tipologie di virus in arrivo. Si presenteranno sotto forma di febbre, ma non superiore ai 38 gradi. Raffreddore, mal di gola, cefalea, catarro, mal di pancia e altri disturbi gastrointestinali. Secondo le previsioni il 40% delle persone che verranno colpite sarà sotto i 18 anni, un altro 40% tra i 18 e i 65. A risentirne di più di questa influenza saranno proprio gli anziani, over 65. Quest’ultimi dovranno tutelarsi maggiormente. I sintomi potrebbero portare complicazioni, alquanto fastidiose e più gravi. Gli esperti ipotizzano che, comunque, l’attività virale sarà meno intensa.

Rispetto al periodo precedente, quest’ anno l’influenza si presenterà meno pericolosa – «Nel 2015 il virus H3N2 era mutato rispetto all’anno precedente e inoltre aveva circolato molto anche l’H1N1, assai più virulento. Quest’anno abbiamo un’influenza lenta e non particolarmente intensa, anche se i virus circolanti sono stabili. Probabilmente la popolazione suscettibile lo scorso anno era molta di più», afferma Gianna Rezza. Lei direttrice del Dipartimento malattie infettive parassitarie e immunomediate, dell’Istituto Superiore di Sanità. Prima di stilare un verdetto definitivo, aspettiamo che la stagione invernale appena iniziata, finisca.



Leggi anche: