Scroll to Top

Loris Stival, Veronica Panarello shock: “Lo ha ucciso mio suocero, eravamo amanti”

L’ultima versione della Panarello sull’omicidio del figlio Loris Stival è alquanto agghiacciante: «Io e mio suocero eravamo amanti, ha ucciso lui mio figlio». Ma Andrea Stival si difende: «Sono tranquillo, la mia posizione è stata vagliata da investigatori e magistratura dettagliatamente»

Loris Stival, Veronica Panarello shock: "Lo ha ucciso mio suocero, eravamo amanti"

Veronica Panarello cambia nuovamente versione sull’omicidio del suo piccolo Andrea Loris Stival, trovato morto il 29 novembre del 2014 e secondo l’accusa, ucciso in casa a Santa Croce Camerina dalla stessa. In quest’ultima versione la colpa ricade sul suocero che non solo viene accusato di essere lui l’assassino ma secondo la donna i due avevano anche una relazione, e proprio questo sarebbe il movente del delitto. La testimonianza esclusiva è stata raccolta dal programma “Quarto Grado”, in onda su Rete 4, secondo cui la Panarello avrebbe riferito il tutto il mese scorso ad una psicologa nel carcere di Catania: «Loris lo ha ucciso mio suocero, Andrea Stival. Ho ricordato tutto quando sono andata a trovarlo al cimitero, ma non l’ho detto prima perché avevo paura che uccidesse anche il bimbo più piccolo». Quale sarebbe il movente? «Io e lui eravamo amanti» e dunque secondo l’ipotesi della psicologa sul racconto della Panarello, Loris «aveva visto qualcosa che non doveva vedere»: «Ha accompagnato il figlio più piccolo a scuola e quando è tornata a casa ha trovato Andrea Stival che ha ucciso Loris». Il diretto interessato, ovvero il suocero, una volta appresa la notizia ha subito dichiarato: si tratta «dell’ennesima follia della donna»; io «sono tranquillo, la mia posizione è stata vagliata da investigatori e magistratura dettagliatamente».

Il legale di Andrea Stival
L’avvocato difensore del nonno paterno di Loris, commenta l’accusa di Veronica Panarello come una ricostruzione «assolutamente irrilevante, frutto della sua fantasia, e non lo dico io, ma lo dicono gli atti del processo e le indagini che hanno escluso responsabilità di Andrea Stival. Lo dimostrano i tabulati telefonici e la testimonianza della sua compagna, Andreina. Veronica Panarello ha sposato una tesi giornalistica e l’ha fatta propria. Una relazione tra loro? Tutto falso, una grande bugia. L’ennesima».



Leggi anche: