Scroll to Top

Lutto nel mondo dello spettacolo: scomparso Lino Toffolo, artista di varietà e cinema

Si è spento a 82 anni uno degli artisti più indimenticabili della televisione italiana che fu, Lino Toffolo; l’artista è morto in seguito ad un malore. Attivo in tv, al cinema e al cabaret, per anni ha deliziato gli spettatori italiani con canzoni orecchiabili e sketch arguti e divertenti

Lutto nel mondo dello spettacolo: scomparso Lino Toffolo, artista di varietà e cinema

Due notti fa è scomparso, a 82 anni, il cantante e attore Lino Toffolo nella sua casa di Burano; l’artista si è spento a causa di un malore. Qualche giorno fa era stato ricoverato in ospedale a causa della frattura di un braccio e la rottura di un paio di costole a seguito di una caduta. Dimesso dopo poco tempo, era in buone condizioni fisiche, ma all’ora di cena si è sentito di nuovo male e a nulla sono valsi gli sforzi dei sanitari per rianimarlo. Veneziano doc, arguto, spiritoso e profondamente autoironico, Toffolo aveva iniziato la sua carriera al mitico “Derby” di Milano negli anni Sessanta assieme ad Enzo Jannacci, Bruno Lauzi e Cochi & Renato, tra gli altri; ma era anche un bravo cantante, autore, tra le altre cose, della canzone “Oh Nina (vien giù da basso che te vogio ben)”, applaudita al Cantagiro 1969, e della cantatissima “Johnny Bassotto”, che fu la sigla per un programma domenicale abbinato alla Lotteria Italia nel corso degli anni Settanta.

Lino Toffolo: Cinema e tv
Versatile come pochi, nel 1968 Toffolo esordisce al cinema con Lina Wertmuller per poi recitare in oltre 24 film, per buona parte sotto la regia di Salvatore Samperi. Reciterà anche con Mario Monicelli e Vittorio Gassman in “Brancaleone alle crociate”, con Mastroianni in “Culastrisce nobile veneziano” e con Dino Risi, senza mai disdegnare neppure il teatro. In tv collezionò successi in diversi programmi con molti sketch spiritosi e ben costruiti, anche in coppia con Alighiero Noschese, Paolo Villaggio e Claudio Lippi. Nel 2006 esordì anche alla regia con il film “Nuvole di vetro”, recitato completamente in dialetto veneto.



Leggi anche: