Scroll to Top

Obama presto a congresso: “Ora combattiamo la guerra alla violenza con le armi”

Obama, di ritorno dalla sua vacanza, ha deciso di porre fine alla violenza con le armi troppo diffuse in America: «Ricevo lettere da possessori di armi responsabili che piangono con noi ogni volta che queste tragedie accadono»

Obama presto a congresso: "Ora combattiamo la guerra alla violenza con le armi"

Barack Obama annuncia nel discorso settimanale di voler intraprendere nuove azioni esecutive in materia di sicurezza delle armi. Il presidente Usa è tornato dalle vacanze e si dice pronto ad affrontare una delle sue sfide più difficili americane: ridurre la violenza armata. Il presidente incontrerà il procuratore generale Loretta Lynch, il direttore dell’FBI James Comey e altri alti funzionari delle forze dell’ordine il prossimo lunedì 11 gennaio per proporre il suo suo progetto: discutere di una revisione di tre mesi di diverse nuove misure di controllo delle armi. Il presidente americano dovrebbe scavalcare il congresso con la sua autorità esecutiva per rafforzare il controllo dei precedenti per gli acquirenti di armi da fuoco che effettuano acquisti in grandi volumi dai negozi che vendono più di 50 armi ogni anno. L’ordine richiederebbe operatori pronti ad ottenere una licenza dal Bureau of Alcohol, Tabacco, Armi da fuoco ed esplosivi (atf), e passare il controllo dei precedenti per tutti i potenziali clienti.

Obama con il procuratore Lynch
Durante la seduta con il procuratore Lynch nello Studio Ovale, il presidente Obama ha detto ai giornalisti che le sue azioni esecutive sarebbero in linea con il secondo emendamento sulla libertà di portare armi. Egli ha anche ammesso che: «Il mio piano non risolverebbe solo la violenza armata ma potrebbe potenzialmente salvare vite umane. Anche se è mia ferma convinzione che per poter risolvere completamente il problema il Congresso dovrebbe agire con me in ciò che sto provando ad attuare di vedere cosa poter fare per rafforzare la nostra applicazione della legge e prevenire il dilemma che le armi possano cadere nelle mani sbagliate» ha detto. Il presidente degli Stati Uniti ha in programma di partecipare a una riunione alla George Mason University giovedì 7, che sarà moderato da CNN.

Zero sostegno dai suoi oppositori e anche democratici
Anche i repubblicani si sono affrettati ad adocchiare i rapporti del piano del presidente e ha promesso di combattere legalmente le sue azioni. Tuttavia proprio lunedì scorso il presidente della Camera Paul Ryan rimproverò la presa di posizione del presidente Obama in materia di diritto alle armi: «Fin da quando era un candidato, l’opinione del presidente Obama verso gli americani che apprezzano il secondo emendamento è stata ben documentata», ha detto in un’intervista a Fox News. Altri candidati alla presidenza hanno apportato critiche al presidente, dicendo che la maggior parte dei fucili acquistati dai sospettati di fucilazioni di massa sono stati fatti in modo legale. Ma il candidato democratico del Vermont e il senatore Bernie Sanders ha detto che egli avrebbe sostenuto la decisione del presidente, mentre 2016 capofila Hillary Clinton ha detto che le restrizioni più severe di pistola sono necessari durante gli Stati Uniti. Il leader statunitense ha ribadito così: «Se le mie azioni riescono ad impedire anche un solo atto di violenza armata, la decisione ne sarà valsa la pena. Ogni volta, ci è stato detto che le riforme di buon senso, come un controllo dei precedenti potrebbero fare, non hanno fermato l’ultimo massacro, o quello prima, quindi non si dovrebbe fare nulla».

Obama scavalca il congresso per il bene cittadino
Il presidente ha comunque già firmato 23 azioni esecutive per la sicurezza armata, bypassando un congresso riluttante. Le norme attuative saranno quelle tra le più severe che gli Stati Uniti abbiano visto negli ultimi due decenni. I grandi cambiamenti sono avvenuti anche dopo la conta finale delle vittime dell’anno: ricordando la sparatoria di San Bernardino che costò la vita a 14 persone e feriti molti altri nel mese di dicembre 2015, si sono contati oltre venti bambini e sei adulti che sono stati fatalmente sparati. «Ho ricevuto troppe lettere di genitori e insegnanti e bambini per stare attorno senza fare nulla. Ricevo lettere da possessori di armi responsabili che piangono con noi ogni volta che queste tragedie accadono, che condividono la mia convinzione che il Secondo Emendamento garantisce un diritto di portare armi e che condividono la mia convinzione proteggendo tale diritto, senza infliggere danni su vasta scala. E’ per questo che certe decisioni vanno prese subito, nel rispetto dei miei colleghi politici e nel rispetto del bene cittadino» ha detto il presidente Obama durante il suo discorso radiofonico settimanale. Si avrà una certezza sull’argomento “armi da fuoco” e per il “vivere bene” di ogni statunitense, solo il 12 gennaio, per la decisione ufficiale.



Leggi anche: