Scroll to Top

Pippo Baudo a rischio processo per diffamazione: insultò in diretta la “Dama Bianca”

Il 13 volte presentatore di Sanremo rischia il rinvio a giudizio per diffamazione nei confronti di Federica Gagliardi, la famosa “Dama Bianca” arrestata due anni fa all’aeroporto di Fiumicino perchè trovata con 25 chili di cocaina all’interno della propria valigia. Adesso deciderà il gup per Baudo

Pippo Baudo a rischio processo per diffamazione: insultò in diretta la "Dama Bianca"

Guai in vista, anche se non gravi, per Pippo Baudo: il conduttore 13 volte alla guida del Festival di Sanremo potrebbe subire un processo per il reato di diffamazione. A diffondere la notizia sono state alcune testate online come “Adnkronos” e “Today”, le quali hanno anche precisato che la querelante di Baudo è stata niente di meno che Federica Gagliardi, la famosa “Dama bianca”. La Gagliardi fu soprannominata così nel 2010, quando accompagnò per un viaggio ufficiale in Canada in abito bianco l’allora premier Silvio Berlusconi, del cui entourage faceva parte; infine, fu arrestata nel 2014 all’aeroporto romano di Fiumicino, dove era giunta con un volo proveniente da Caracas, perchè furono trovati 25 chilogrammi di cocaina purissima all’interno della sua valigia. E la presunta diffamazione da parte del presentatore si riferisce proprio a quest’ultimo episodio. La Gagliardi, attualmente ai domiciliari in attesa del processo d’appello, ha infatti citato Baudo per alcune frasi poco lusinghiere nei suoi confronti, da lui pronunciate in diretta prima in Rai e poi anche su La7.

L’udienza preliminare
L’udienza preliminare per Baudo si terrà oggi 21 settembre a Roma, nel corso della quale il gup dovrà decidere se rinviare a giudizio oppure no il presentatore; le parole incriminate furono pronunciate dal conduttore nel 2014, a pochi giorni dall’arresto della “Dama bianca”. Nel corso della trasmissione “La vita in diretta”, in onda su Raiuno, riferendosi alla Gagliardi Baudo affermò senza mezzi termini: «Questa ragazza seguiva i politici all’estero, era impiegata addirittura alla Regione a Roma e l’hanno beccata a Fiumicino con venticinque chili di droga. Questa mi…a!». Adesso, proprio queste affermazioni potrebbero costargli un processo per diffamazione qualora il giudice decidesse di rinviarlo a giudizio.



Leggi anche: