Scroll to Top

Presidente Mattarella sul Salva banche: “Episodi gravi, tutelare e valorizzare il risparmio”

Il capo dello Stato rimprovera sul caso “Salva banche” che ha portato alla perdita dei risparmi per gli italiani che si ritrovavano investimenti nelle banche colpite dal tracollo: «Sono episodi molto gravi, il risparmio va tutelato e valorizzato»

Presidente Mattarella sul Salva banche: "Episodi gravi, tutelare e valorizzare il risparmio"

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella dal salone dei Corazzieri di fronte a ministri, parlamentari, al Governatore di Bankitalia Ignazio Visco, Raffaele Cantone dell’anticorruzione e soprattutto il premier Matteo Renzi, esprime il suo disgusto su come è stato affrontato il “Salva banche”. Un discorso preparato con molta attenzione dove Mattarella parla di fatti gravi, fatti che hanno portato al suicidio di Luigino D’Angelo il pensionato di Civitavecchia che a causa del fallimento di Banca Etruria aveva perso 100mila euro. «I recenti episodi relativi ad alcune banche locali – spiega il presidente – sono fatti molto gravi che hanno suscitato comprensibile preoccupazione, occorre un accertamento rigoroso e attento delle responsabilità. Sono di importanza primaria la trasparenza, la correttezza e l’etica». «Avere cura della Repubblica significa anche tutelare e valorizzare il risparmio, elemento di forza caratteristico della nostra economia. Si stanno approntando interventi di possibile sostegno, valutando caso per caso, al fine di tutelare quanti sono stati indotti ad assumere rischi di cui non erano consapevoli. Occorre un accertamento rigoroso e attento delle responsabilità. Sono di importanza primaria la trasparenza, la correttezza e l’etica degli intermediari, bancari e finanziari». Il capo dello Stato ha poi chiesto a parlamentari e senatori di portare a termine le riforme entro la legislatura in quanto «il senso di incompiutezza rischierebbe di produrre ulteriori incertezze e conflitti, oltre ad alimentare sfiducia». «Si avverte fortemente l’esigenza di un riordino e di un recupero di razionalità nel processo legislativo. Le riforme non riguardano solo l’organizzazione costituzionale, ma dovranno anche imprimere una svolta rispetto all’uso improprio di strumenti e procedure».

«Un’illusione pensare di proteggersi con muri e fili spinati» – Mattarella parlando di immigrazione sottolinea infine che «l’Europa è la dimensione minima attraverso la quale gli Stati membri dell’Unione possono attuare una politica efficace. E’ un’illusione pensare di proteggersi con muri e fili spinati, ed è un errore storico ritardare la necessaria azione comunitaria in tema di accoglienza, di riconoscimento e ricollocazione dei rifugiati, di contrasto ai trafficanti di esseri umani, di rimpatri, più in generale di politiche dell’immigrazione».



Leggi anche: