Scroll to Top

Reggio Emilia, dopo furto in casa ritrova uno dei ladri al pronto soccorso

E’ accaduto nei giorni scorsi, a Cadelbosco di Sopra, in provincia di Reggio Emilia; l’uomo, un trentenne del posto, aveva subito un furto in casa da parte di due ladri che si erano dati alla fuga. Al pronto soccorso ha poi riconosciuto il “palo”, un quarantenne, che è stato denunciato

Reggio Emilia, dopo furto in casa ritrova uno dei ladri al pronto soccorso

Va al pronto soccorso dell’ospedale di Reggio Emilia, incontra per caso uno dei ladri che qualche giorno prima gli erano entrati in casa e lo fa fermare. Il derubato, un trentenne residente a Cadelbosco di Sopra (Re), ha quindi allertato i carabinieri che, una volta giunti al pronto soccorso, hanno identificato il ladro e lo hanno denunciato. L’uomo, un pregiudicato 40enne di Cadelbosco, è stato denunciato per furto aggravato in concorso e adesso i militari stanno lavorando per identificare i due complici scappati; secondo quanto ricostruito finora, il 40enne avrebbe funto solo da “palo” per compiere il furto. L’episodio di cronaca era avvenuto qualche giorno prima: il trentenne, rientrando a casa sua, ha sorpreso due ladri che stavano rovistando nelle stanze e che, vistisi scoperti, sono fuggiti saltando dal balcone per salire poi su una Fiat Punto che li stava aspettando e sparire.

Il derubato ha dimostrato una memoria ferrea
I tre ladri, però, non avevano fatto i conti con la memoria ferrea del derubato; il trentenne ha infatti riconosciuto l’uomo che era al volante, il quarantenne poi denunciato, ma non poteva certo immaginare che il fato, qualche giorno dopo, gli avrebbe permesso di incontrarlo casualmente al pronto soccorso. Il “palo” quarantenne, inoltre, era già noto agli stessi carabinieri di Cadelbosco per reati simili. Adesso le indagini puntano ad identificare i due ladri acrobati tuttora latitanti che, pur di fuggire, non hanno esitato a gettarsi dal balcone, ma sembra che il derubato trentenne abbia visto bene in faccia anche loro; considerando la sua memoria, i due potrebbero avere le ore contate.



Leggi anche: