Scroll to Top

Roma-Fiumicino: fermo volo Vueling per Parigi causa sciopero, passeggeri inferociti

Un volo Vueling low cost per Parigi è rimasto fermo all’aeroporto di Fiumicino per uno sciopero allo scalo della capitale francese; molta rabbia tra i passeggeri che hanno dovuto attendere tutta la mattinata prima di essere imbarcati su altri voli. Tra questi anche la presentatrice Serena Dandini

Roma-Fiumicino: fermo volo Vueling per Parigi causa sciopero, passeggeri inferociti

Il primo aprile, un volo per Parigi ha subito un forte ritardo e i passeggeri si sono arrabbiati talmente da dover richiedere l’intervento delle forze dell’ordine per calmare gli animi; è accaduto a Roma all’aeroporto internazionale di Fiumicino. Un volo Vueling low cost, che sarebbe dovuto decollare alle 9.30 di mattina per Parigi Orly, è rimasto fermo a terra a causa di uno sciopero allo scalo della capitale francese; il problema è che il volo veniva rimandato in continuazione senza dare molte spiegazioni ai passeggeri, visibilmente e anche giustamente in snervante attesa per potersi finalmente imbarcare. La notizia dello sciopero francese è, in verità, arrivato ma solo dopo molte ore, quando ormai i passeggeri stipati al gate di imbarco del Leonardo Da Vinci erano invasi da una rabbia montante dato che, secondo i loro racconti, non ricevevano alcuna informazione utile in merito al ritardo. Dalle 15 in poi, tutti i viaggiatori sono stati poi smistati sui vari voli in partenza per Parigi.

L’intervento della polizia
Tra i passeggeri inferociti in attesa al gate c’era anche la presentatrice televisiva Serena Dandini; visto che il clima era sempre più teso e nessuno accennava a calmarsi, si è dovuto ricorrere all’intervento dei militari e delle forze dell’ordine per riportare tutti alla calma. Ad un certo punto, la folla dei passeggeri, dopo oltre quattro ore di attesa, ha tentato anche di imbarcarsi a forza sul volo per Parigi previsto per le 12, che però era già al completo. Il risultato è stato che anche quel volo è partito in ritardo. Qualche polemica è comparsa quando è uscita la notizia che a guidare la rivolta dei passeggeri siano stati proprio la Dandini e il giornalista Pasquale Chessa, secondo alcune testimonianze: «La Dandini e il giornalista Chessa hanno guidato la rabbia dei viaggiatori – ha raccontato l’avvocato Emilio Krogh – i due hanno, con veemenza e violenza, impedito la partenza del volo delle 12 che era assolutamente in orario, pretendendo il loro imbarco forzato e non previsto sul nostro volo, tutto con un ritardo di due ore per un volo da me e dagli altri viaggiatori regolarmente pagato e in perfetto orario. Agire con violenza sui passeggeri di un altro volo è segno di grandissima inciviltà».



Leggi anche: