Scroll to Top

WhatsApp: attenzione alla truffa via sms, reca seri danni a smartphone e tablet

Attenzione alla truffa telematica. Da qualche giorno migliaia di utenti sono stati invitati, via SMS, a ripristinare il proprio account Whatsapp tramite un link. La polizia raccomanda a chi lo riceve di cestinarlo poiché crea seri danni al telefono

WhatsApp: attenzione alla truffa via sms, reca seri danni a smartphone e tablet

In circolo già da giorni una bella truffa telematica. A comunicarlo la pagina della polizia di Stato “Una vita da social”. Migliaia di utenti, stanno ricevendo via SMS, un invito a ripristinare il proprio account WhatsApp. «Abbiamo rilevato azioni che violano i nostri termini di servizio. Per evitare la cancellazione dell’account verifica il tuo account WhatsApp», questo il testo riportato nell’ sms. Il messaggio prosegue poi con un link. Ovviamente si tratta assolutamente di un messaggio truffa, in quanto non sono stati violati assolutamente i termini di servizio. Cliccando sul link il telefono può danneggiarsi irrimediabilmente perdendo tutti i dati o bruciando persino la scheda madre. Per evitare qualsiasi inconveniente, il falso avviso deve essere cestinato senza aprire assolutamente il link. Tramite la pagina “Una vita da social” appartenente alla polizia di stato, gli utenti vengono invitati a prestare la massima attenzione. «Cestinare immediatamente il messaggio senza aprire il link», questo il messaggio, consiglio, della Polizia rivolto a tutti gli utenti. Le truffe che viaggiano su WhatsApp sono cicliche, e solitamente arrivano sempre sotto forma di messaggi che invitano ad aprire un link. Occorre stare sempre attenti e in guardia.

Incoscienti del pericolo
La maggior parte del tempo, ormai, la si trascorre sui social o ci si intrattiene con varie applicazioni. Il più delle volte però non ci si rende conto degli inconvenienti che si possono incontrare. La polizia è costantemente al lavoro per evitare e tutelare gli utenti da tutti i pericoli che circolano nel mondo della rete e nei nostri dispositivi, ma anche noi utenti dovremmo prestare più attenzione.



Leggi anche: