Scroll to Top

Dati e statistiche su casino online legali nel primo quadrimestre del 2018

Importanti numeri si aggirano sulla questione “gioco d’azzardo in Italia”. Dai dati di Agipronews ai guadagni della International Game Technology, la diffusione di casino online legali è sempre in salita: nel 2017, il gioco più utilizzato sono le slot machine, le roulette e le scommesse sportive

Dati e statistiche su casino online legali nel primo quadrimestre del 2018

Il gioco d’azzardo in Italia è in costante ma lenta salita. Sono i dati che emergono da più studi effettuati per ciò che concerne le spese eseguite nel quadrimestre 2018 e i guadagni della International Game Technology. Tramite i dati elaborati da Agipronews.it (dai suoi operatori), gli italiani giocano e spendono moltissimo per poker e casino online legali. Da gennaio ad aprile 2018, sono stati spesi circa 288,5 milioni di euro, valore aumentato di circa il 13,9% in confronto allo stesso quadrimestre del 2017. I più diffusi sono ancora una volta i giochi da casino online legali, come le slot machine e la roulette, che hanno visto sul banco una somma pari a 233,3 milioni in 4 mesi, risultando in positivo del 29,7%, e 58,1 milioni ad aprile con +28,6%. Per ciò che concerne il poker, si contano circa 30,8 milioni da inizio anno, con +1,8%, e 6,6 milioni ad aprile, una spesa mensile registrata anche lo scorso anno. Mentre il poker con cash (contanti o gettoni) da inizio anno ha visto un giro d’affari di 24,3 milioni (con il -3,6%) ma ad aprile ha sfiorato i 5,3 milioni (-5%). Diverso è il discorso per ciò che concerne Lotto e Lotterie: è proprio dalla Igt (International Game Technology), in precedenza Lottomatica Group S.p.A. e Gtech S.p.A., spiega come solo con le attività riguardanti le puntate al Lotto, nei primi tre mesi dell’anno hanno portato circa 2 miliardi di euro (con +8,6%), incoraggiate anche dai risultati del 10eLotto (1,451 miliardi, in aumento del 17%). Importanti risultati sono stati visti anche per il Milion Day, il gioco ad estrazione avviato in Italia solo dal 7 febbraio, ma che ha portato in soli 2 mesi 34 milioni di euro. Salgono anche le puntate ai Gratta e Vinci, con un saldo di circa 2,4 miliardi di euro (+2,9%), ma le scommesse sportive sono in leggero calo, a 246 milioni di euro (-4,4%).

Proporzionalmente sono diminuiti anche i pay out: la quota di vincite tornate ai giocatori, sono calate dall’89,5 all’81,2%. Tuttavia, una grande somma sono state incassate dalle videolotteries (già note con l’acronimo di vtl), con 1,4 i miliardi pari ad un +1,8% rispetto all’anno precedente) e infine le slot machines hanno fatto registrare un leggero calo dei guadagni, da 1,009 miliardi a 955 milioni, con un -5,3%. L’Igt, una delle aziende conosciuta a livello internazionale per la produzione di slot e casino online legali in tutto il mondo che però, ha visto un grande guadagno tutto italiano: su tutto il territorio nazionale, sono stati guadagnati circa 408 milioni di euro, una crescita del 20% che porta ad conoscere dati preoccupanti anche sull’aumento del gioco in Italia. Indicativamente, anche gli esperti parlano di una crescita generica per ciò che concerne il gioco d’azzardo, che andrà man mano crescendo in maniera esponenziale, ipotesi sottolineata anche dal documento “Focus sulla fiscalità nel settore dei giochi (In Italia e all’estero)” dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio. Dai grafici stilati nel documento si sottolinea come il mercato dei giochi d’azzardo siano cresciti esponenzialmente e con costanza dal 2000 al 2016, confermati poi anche nel 2017, con più 100 miliardi di euro raccolti. Una conferma che le industrie del gioco d’azzardo risulti essere una delle prima in Italia, con imprese sempre più in crescita e investimenti di pubblicità sempre maggiori. L’Italia si autentica nuovamente tra i primi posti nella classifica mondiale per volume d’affari prodotti, sempre in relazione all’aumento dell’offerta, soprattutto in seguito all’introduzione delle slot machine in tutti i locali del 2004, dei giochi online nel 2008 e delle vtl nel 2010 con qualche differenza da nord a sud. Nello stesso rendiconto, si sottolinea anche come il 45,9% dei punti gioco in Italia sia distribuita in parte al nord, il 33% nel mezzogiorno e il 21% nel centro della Penisola.

Differenze vengono effettuate anche nella tipologia di giochi d’azzardo: tra i giochi totali in Italia i tradizionali (Lotto, Superenalotto, Bingo e Lotterie) vanno per la maggiore (con il 56,9%) mentre le scommesse (sportive o ippiche) stanno al 4% e chiudono i nuovi giochi (giochi di abilità, giochi di carte online e apparecchi) con il 39,1%. L’aumento del ricavato degli ultimi anni è spiegato proporzionalmente anche dall’incremento del prelievo applicato ai giochi di nuova generazione che, in conseguenza, hanno fatto aumentare anche l’evoluzione dei giochi online sempre più utilizzati, sfociando a loro volta in gravi rischi di dipendenza. La patologia del gioco d’azzardo è molto diffusa e altamente preoccupante soprattutto tra i giovani. Tale disturbo comportamentale è stato classificato come una grossa dipendenza, poiché il giocatore d’azzardo perde il controllo aumentando giocate e somme da giocare, nel tentativo di recuperare le perdite. Come una spirale che risucchia senza fermarsi, il gioco d’azzardo porta ogni giocatore a perdere sempre più soldi ma a volerne investire sempre di più. Nell’anno del 2017, si calcola che in Italia si contino circa 10 milioni di giocatori in una fascia d’età compresa dai 15 ai 64 anni, di cui circa 1,4 milioni sono studenti o giovani disoccupati sotto i 20 anni. Un inquietante dato che, sommato al frequente utilizzo delle scommesse sportive, porta con sé molteplici conseguenze. Tra i giochi più diffusi, in effetti, le scommesse sportive sono tra le prime problematiche dei giocatori d’azzardo patologici con il 72,8%, segue il Gratta e vinci, giocato dai giocatori problematici per il 67,5% e il Superenalotto (43,6%). Spesso vengono utilizzate piattaforme online, come smartphone o computer, soprattutto dai minori ma ancora più spesso, c’è chi decide di recarsi presso punti vendita come bar o tabaccai, o presso casino online legali, oppure presso sale con slot machine.

Leggi anche: