Scroll to Top

Lotta all’Isis, Salvini attacca Renzi: “Sei un vigliacco, e paura e vigliaccheria non pagano mai”

Il leader della Lega Nord parlando di come il governo sta affrontando la lotta contro l’Isis attacca il premier riguardo il mancato intervento militare in Siria: «Tenere il piede in due scarpe per non essere colpito è la maniera più sbagliata di ragionare»

Lotta all'Isis, Salvini attacca Renzi: "Sei un vigliacco, e paura e vigliaccheria non pagano mai"

Matteo Salvini dalla Camera dei Deputati parlando della lotta all’Isis e del mancato intervento militare dell’Italia non ha riservato per nulla parole di elogio nei confronti del presidente del Consiglio Matteo Renzi, di cui dice: «E’ un vigliacco. E la paura e la vigliaccheria non pagano mai». «Tenere il piede in due scarpe per non essere colpito è la maniera più sbagliata di ragionare. Quando qualcuno ti attacca devi difenderti. Se perdi tempo non fai l’interesse degli italiani». Parole di elogio che invece arrivano per Vladimir Putin e Marine Le Pen, con quest’ultima che alcuni giorni fa ha vinto le elezioni regionali in Francia: «Putin e Le Pen sono due tra i migliori statisti in circolazione. Noi siamo vicini a chiunque difenda un futuro pacifico per l’Europa. Il governo Renzi è l’unico governo di cosiddetta sinistra che riesce a salvare le banche fregando i risparmiatori: speriamo che la lezione della Le Pen arrivi presto a dare uno schiaffone politico a Renzi e ai suoi». «Alleanze elettorali in Europa? Bruxelles fa poco e quel poco lo fa male, perciò non metto limiti a nessuno. Può stare con la Lega chiunque ci aiuti a recuperare un futuro per i nostri figli e sovranità in tutta Italia da Nord a Sud, sovranità monetaria, sovranità sui confini e sul lavoro».

Ancora critiche per il lavoro del premier
L’attacco a Renzi da parte del leader del Carroccio non arriva solo sulla politica estera ma anche sulla legge di Stabilità che Salvini definisce «una schifezza»: «Non tocca la riforma Fornero e non cancella gli studi di settore, due gabbie mortali per gli italiani e per l’economia italiana. Non vale niente».



Leggi anche: