Scroll to Top

Obama ai leader dell’Isis: “Presto vi colpiremo, mai più avvelenerete il mondo”

Al termine di una riunione al Pentagono del Consiglio per la sicurezza nazionale Barack Obama ha lanciato un monito ai leader dell’Isis: «Non potete nascondervi, sarete i prossimi ad essere colpiti. Non vi lasceremo più avvelenare il mondo»

Obama ai leader dell’Isis: "Presto vi colpiremo, mai più avvelenerete il mondo"

«Vi colpiremo presto. Non potete più nascondervi». È il monito lanciato dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama ai leader dell’Isis, ricordando i responsabili del sedicente Stato islamico uccisi negli ultimi mesi. «I leader dell’Isis non possono nascondersi e il nostro messaggio è molto semplice: voi sarete i prossimi a essere colpiti», ha ribadito il presidente americano parlando al termine di una riunione al Pentagono del Consiglio per la sicurezza nazionale. Obama ha anche aggiunto che l’Isis ha già perso il 40% delle zone che una volta controllava in Iraq: «Li abbiamo colpiti al cuore e renderemo loro sempre più difficile avvelenare il mondo». Ma i jihadisti dell’Isis si nascondono dietro alla popolazione civile e Obama vuole procedere con cautela ed estrema precisione, «una precisione chirurgica». «La lotta all’Isis è difficile, ma tutti i nostri alleati sono pronti a fare di più. Mentre gli Stati Uniti stanno facendo di più in questa lotta così anche i nostri alleati, la Francia, la Germania, il Regno Unito, l’Australia, l’Italia stanno facendo di più. E così devono fare gli altri», ha spiegato il capo della Casa Bianca. «Ed è per questo che ho chiesto al segretario alla Difesa Carter di recarsi in Medio Oriente per lavorare con i partner della nostra coalizione al fine di garantire un maggior contributo sul fronte militare», ha aggiunto Obama.

Il 53% degli americani pensa sia giusto inviare truppe di terra in Siria e in Iraq – La Casa Bianca ha deciso di accorciare i tempi e rafforzare l’esercito operante in Siria e in Iraq per colpire i leader dell’Isis, tenendo conto anche di questi preoccupanti sondaggi: il 53% degli americani pensa sia giusto inviare truppe di terra in Siria e in Iraq; 6 americani su 10 disapprovano la gestione dell’amministrazione in tema di terrorismo e il 68% degli intervistati ritiene che la risposta ai gruppi terroristici fino ad oggi non sia stata abbastanza decisa.



Leggi anche: