Scroll to Top

Usa, coppia va in pensione a 33 anni e spiega a tutti come fare

Liz e Nate hanno creato un sito per documentare il loro piano di prepensionamento e trasferirsi con spensieratezza in una fattoria nel Vermont all’età di 33 anni. Sarà possibile seguire i loro consigli anche in Italia? Probabilmente no, ma la coppia assicura che è fattibile. Ecco come faranno

Usa, coppia va in pensione a 33 anni e spiega a tutti come fare

Per molti giovani è un miraggio, ma non per loro. Liz e Nate, una coppia di Cambridge, in Massachusetts, andranno infatti in pensione a 33 anni. O almeno è quello che sperano con il loro ambiziosissimo progetto. Secondo i “The Frugalwoods”, nome scelto dalla coppia per il sito in cui spiegano come faranno a raggiungere questo incredibile obiettivo, il progetto è decisamente fattibile e la speranza è quella di trasferirsi in una fattoria nel Vermont e godersi la prematura pensione. Negli Stati Uniti l’età media di pensionamento è di 62 anni, mentre Liz, responsabile della comunicazione del sito, e Nate, ingegnere, ne hanno adesso poco meno della metà e sono decisi a raggiungere il loro obiettivo prestissimo, entro i 33. Sembra davvero incredibile, eppure non lo è. Com’è possibile? Grazie ad una semplicissima strategia: riuscire a risparmiare più della metà del loro reddito, mettendo da parte per la “vecchiaia” il 71% della loro retribuzione. Una percentuale molto alta, soprattutto per chi ha famiglia. Ma i Frugalwoods, che hanno due figli e un terzo in arrivo, assicurano che è assolutamente fattibile risparmiare così tanto, anche se serve tantissima tenacia e grande ottimizzazione delle spese. Magari non riusciranno tutti a farlo, «ma non è impossibile», ribadisce la coppia. «Abbiamo sempre vissuto ben al di sotto delle nostre possibilità», si legge sul loro blog, attivo dal 2014 e creato per documentare il loro piano di prepensionamento. «Senza alcuna fatica, stavamo risparmiando il 65% del nostro stipendio, e non abbiamo mai avuto alcun debito se non quello del mutuo per la casa. Ora che ci stiamo concentrando sulla “frugalità” siamo riusciti a mettere da parte il 71%», scrivono Liz e Nate che, per dare un’idea delle loro spese, hanno dichiarato di aver speso nel 2014 appena 13mila dollari, eccettuo il mutuo, mettendo tutto il resto dei guadagni da parte per la pensione.

I consigli della coppia: «Non imitate inconsciamente le abitudini di consumo di chi vi circonda» – Sempre sul loro blog consigliano come risparmiare a chi, come loro, volesse lasciare presto il lavoro per abbandonarsi ad altri piaceri e rifugiarsi con spensieratezza in montagna, a mare o, come i Frugalwoods, in una fattoria: «Non imitate inconsciamente le abitudini di consumo di chi vi circonda. Non c’è alcun motivo di approcciarsi al mondo nelle vesti di consumatore, il nostro obiettivo nella vita non dovrebbe essere quello di comprare le cose. Spendere il denaro è la via più facile. Non richiede creatività, ingegno o avventura. In una parola, è noioso».

È possibile anche in Italia?
Per loro sarà pure fattibile, ma in Italia? Probabilmente no, ma dati i tempi che corrono non sarebbe male anticipare anche solo di qualche anno la pensione. Ma se anche qualcuno volesse provarci, ovviamente tra chi è fortunato ad avere un lavoro fisso, dovrà prima dar conto delle infinite tasse, eventuali mutui o affitti, spese per i figli e chi più ne ha più ne metta. Quindi seppur non impossibile, sarebbe molto, ma molto, difficile, almeno per un italiano medio.



Leggi anche: