Scroll to Top

Venezia a basso costo: dove alloggiare, cosa vedere e dove mangiare

Chi visita Venezia ha una fortuna: si tratta di un museo a cielo aperto e di conseguenza moltissime delle cose più belle che possiede le si vede così, ma visitare la città dormendo in hotel convenienti e mangiare tipico spendendo poco è possibile, basta sapere come fare

Venezia a basso costo: dove alloggiare, cosa vedere e dove mangiare

Venezia è una delle città turistiche più famose al mondo e non c’è da stupirsi, quindi, se molto spesso i prezzi messi in conto al visitatore sono elevati. Giusto oppure no, di fatto si tratta di qualcosa che accade. Visitare la città di Venezia, dormendo in hotel convenienti e mangiare tipico spendendo poco è possibile, basta sapere come fare.

Dove alloggiare a Venezia low cost

In questa città ci sono diverse strutture alberghiere della catena Best Western. Si tratta di una serie di hotel a Venezia che hanno in comune il fatto di rispondere a determinati requisiti di qualità come richiesto dal brand. Le camere sono confortevoli e accoglienti, nonché dotate di tutti i servizi del caso per far sì di offrire un soggiorno piacevole agli ospiti. Gli edifici storici oppure nuovi, in base ai casi, sono ubicati normalmente in posizioni strategiche per chi a Venezia giunge in visita turistica o per lavoro. Il personale di queste strutture è competente per rispondere ad ogni esigenza e dotato di una cortesia ineccepibile.

Assicurarsi un posto in un hotel a Venezia della catena Best Western permette di gettare le basi per un soggiorno perfetto e, cosa che non guasta mai, anche ad un prezzo conveniente. Le strutture si possono comodamente prenotare online e per qualunque informazione basta chiamare o mandare un’email all’hotel. Su richiesta, sempre in base alla disponibilità, si potrà fare il check in con anticipo o, il giorno della partenza, richiedere che vengano tenuti i bagagli lì qualche ora, giusto il tempo di visitare le ultime cose.

Dove mangiare?

Di ristorantini, osterie e bacari dove mangiare bene e spendere poco a Venezia ce ne sono molti, ma bisogna saperli trovare. Innanzitutto è indispensabile, com’è ovvio, evitare le principali vie turistiche e le zone appena adiacenti alle principali attrazioni turistiche. Anche solo bersi un caffè di fronte alla Basilica di San Marco, diciamo, è cosa da turisti e turisti abbienti per giunta.

Quindi imparate a “girare l’angolo”: troverete localini inaspettati, buoni e a buon mercato che sono poi spesso quelli dove si recano i veneziani stessi. Per l’ora di cena in particolare andate a “caccia” di qualche bacaro dove bere un aperitivo. Di solito pagando un piccolo sovrapprezzo oltre al costo della bevanda scelta si ha accesso ad un buffet da leccarsi i baffi. In generale, comunque, come regola, non abbiate paura a “chiedere” i prezzi o altre informazioni ancora prima di accomodarvi nel locale: meglio sembrare un po’ sfrontati piuttosto che trovarsi poi un conto inaspettatamente salato.

Visitare Venezia gratis

Chi visita Venezia ha una fortuna: si tratta di un museo a cielo aperto e di conseguenza moltissime delle cose più belle che possiede le si vede così, passeggiando semplicemente per la città. Arrivando, quindi, ad esempio sul Ponte dell’Accademia si può avere una delle migliori visuali sul Canal Grande. Altra meraviglia: Piazza San Marco, in particolare al mattino presto oppure all’ora in cui il sole tramonta. Zone preziose sono anche quelle del Ghetto Nuovo, un’isola accessibile da due ponti che costituiva il quartiere ebraico veneziano; il Campo dei Mori con le statue dei Fratelli Mastelli;

A pagamento ma solo se ci si passa all’interno è il Ponte dei Sospiri. Questo esempio di bellezza barocca però si può comodamente guardare da fuori senza spendere un centesimo. Un buon punto di vista è quello del Ponte della Paglia. Lo stesso vale per la Scalinata del Bovolo Contarini: si può vedere gratis da fuori. A Venezia poi non tutti gli edifici sacri hanno un biglietto di ingresso a pagamento. La Basilica di Santa Maria della Salute, ad esempio, non lo è e si può dire che rappresenti tutti gli elementi tipici dell’architettura veneziana. Lo stesso vale per la Basilica dei Santi Giovanni e Paolo. Musei gratis che valgono una visita a Venezia ce ne sono, anche se sono pochi. Un esempio? Il Museo della Musica nella chiesa di San Maurizio. È bene comunque ricordare che ogni prima domenica del mese tutti i musei statali sono ad accesso gratuito.

Leggi anche: